5 luglio 2022
Responsabilità da cose in custodia: risponde l'usufruttuario
Con Ordinanza 24 giugno 2022, n. 20429, la Corte di Cassazione ha stabilito che la responsabilità cagionata da cose in custodia ricade sul soggetto che ha il pieno controllo della cosa, con la conseguenza che, ove la res sia nel possesso di un usufruttuario, sarà quest'ultimo, e non il nudo proprietario, a risponderne. 
Infatti, il presupposto della responsabilità di cui all'art. 2051 C.c. risiede nell'esistenza di una signoria di fatto sulla cosa di cui si ha la disponibilità materiale.