17 febbraio 2022N. 33
Il diritto reale di uso esclusivo sul bene comune: le più recenti Sezioni Unite

Il c.d. diritto reale di uso esclusivo, che, in via pattizia, riconosce al singolo condomino un uso, appunto, “esclusivo” di una parte comune del condominio, ossia di un bene di proprietà di tutti i condòmini, non è configurabile nel nostro ordinamento poiché esso contrasta con i principi di tassatività e tipicità dei diritti reali, alla luce dei quali l'autonomia negoziale non può costituire diritti reali atipici e né può incidere, snaturandolo, sul contenuto dei diritti reali previsti dalla legge.

di Avv. Grasso Valeria
Il c.d. “diritto reale di uso esclusivo”

Il c.d. “diritto reale di uso esclusivo” trova espressione nella clausola mediante la quale si concede ad un'unità immobiliare l'uso esclusivo di una parte comune del condominio. Essa è stata introdotta dalla prassi negoziale,...