4 agosto 2022N. 150
La legittimazione passiva dell’amministratore di condominio

L'amministratore può essere convenuto in giudizio per qualunque azione concernente le parti comuni dell'edificio. Ove la citazione abbia un contenuto esorbitante dalle sue attribuzioni, il professionista è tenuto a darne senza indugio notizia all'assemblea dei condomini, pena la revoca dall'incarico e la responsabilità per danni.

di Avv. e Giornalista pubblicista Maurizio Tarantino
Aspetti generali sulla legittimazione passiva

L'art. 1131, comma 2, c.c. stabilisce che l'amministratore può essere convenuto in giudizio per qualunque azione avente ad oggetto le parti comuni. Questo...