29 luglio 2022 N. 146
Validità dell’attestazione per il contratto di locazione a canone concordato: modifiche introdotte dal Decreto “semplificazioni fiscali”

L'articolo 7 del D.L. 73/2022 (c.d. “Semplificazioni fiscali") prolunga la validità dell'attestazione relativa ai contratti di locazione "concordati", di modo che essa potrà valere, a determinate condizioni, anche per più contratti aventi ad oggetto il medesimo immobile. A seguito dell'entrata in vigore del D.M. 16.1.2017, per poter applicare le agevolazioni fiscali previste per i contratti a canone concordato (aliquota del 10% della cedolare secca, base imponibile IRPEF ridotta del 30% e base imponibile imposta di registro al 70%), in presenza delle condizioni richieste dalle diverse norme agevolative, è necessario che i contratti stipulati senza l'assistenza delle organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori siano corredati da un'attestazione, rilasciata da una delle organizzazioni firmatarie dell'accordo territoriale, che confermi la rispondenza del contenuto economico e normativo del contratto all'Accordo territoriale. Fino ad ora, l'attestazione aveva validità per il singolo contratto per il quale era stata richiesta. Per effetto della modifica apportata dall'articolo 7 del D.L. “Semplificazioni fiscali”, invece, la stessa attestazione può essere fatta valere per tutti i contratti di locazione, stipulati successivamente al suo rilascio, fino ad eventuali variazioni delle caratteristiche dell'immobile o dell'Accordo Territoriale del Comune a cui essa si riferisce.

di Dott. commercialista e Revisore Legale Michele Siconolfi

Con riferimento ai contratti di locazione a canone concordato non assistiti dalle associazioni di categoria della proprietà edilizia e dei conduttori, l'articolo 7 del decreto “Semplificazioni fiscali” interviene sulla validità dell'attestazione della rispondenza del contenuto economico e normativo del contratto all'accordo territoriale...